Visualizza Forello Baschi in una mappa di dimensioni maggiori

Home » Cosa fare » esplora: itinerari » Jacopone in fuga

Jacopone in fuga

Gola del Forello-Baschi-Convento di Pantanelli

Da indicazioni deducibili dal Laudario si può supporre che la fuga dal mondo avvenne intorno al 1268 e che per dieci anni circa Iacopone si diede a prove di mortificazione e di penitenza. E’ in questo periodo che probabilmente visse nei luoghi aspri e selvaggi della Gola del Forello denominati Rigoverci e Collestatte, nominati in alcune laude, che attualmente possiamo localizzare nei pressi del Santuario di santa Maria della Pasquarella. (visitabile internamente solo la domenica successiva alla Pasqua; il luogo è comunque molto suggestivo e facilmente raggiungibile attraverso comodi sentieri)

Per avere un’idea più precisa dei luoghi che furono importanti per la formazione spirituale di Iacopone è importante tenere presente il periodo trascorso in penitenza, nel 1278, dopo l’ingresso nell’Ordine dei Minori presso il convento di Pantanelli, (aperto al pubblico) a nord-est di Baschi, tra Todi e Orvieto. Luogo suggestivo legato anche a San Francesco.

Collazzone

Dopo la morte di Bonifacio VIII, nel 1303, Jacopone venne liberato dal carcere (in cui si trovava dal 1298 a Todi, nei sotterranei del Convento di San Fortunato) e si ritirò, secondo le vite antiche del frate, nell’ospizio dei frati Minori annesso al monastero delle Clarisse di San Lorenzo di Collazzone  dove visse per tre anni.

Secondo una tradizione sarebbe morto la notte di Natale del 1306, confortato dall’amico Giovanni della Verna, e qui sarebbe stato sepolto.

A Collazzone si conserva, peraltro, una splendida scultura lignea della Madonna in trono con il Bambino del XIII secolo, presente nella Chiesa di San Michele Arcangelo.

Vicino alle mura di Todi

Di recente questa tradizione è stata fortemente messa in dubbio e sulla base di un’accurata analisi delle fonti che la tramandano, si potrebbero ipotizzare come luoghi della morte e di sepoltura sia il Monastero di Montecristo, fondato dalle stesse Clarisse di Collazzone del 1248, sia quello delle Clarisse di Montesanto, entrambi situati appena fuori la città di Todi.

 

 

Questo itinerario è stato proposto da
Fabiola Bernardini
Biblioteca Comune di Todi

tel. 075-8956 710

fabiola.bernardini@comune.todi.pg.it