Todi sotterranea

Home » Cosa fare » conosci: storia, arte, cultura » Todi sotterranea

Oltre 5 km di cunicoli e gallerie, più di 30 cisterne preromane, romane e medievali, 500 pozzi di varie epoche formano il ricchissimo patrimonio sotterraneo della città.

Questo articolato sistema di strutture ipogee che percorre il colle al suo interno fu realizzato per convogliare a valle le acque di superficie, attestando come le risorse idriche e le caratteristiche geomorfologiche della collina siano state sapientemente sfruttate dal punto di vista tecnico, per limitare i danni d’infiltrazione e per soddisfare le esigenze della vita quotidiana. La realizzazione dei primi cunicoli, dei pozzi e delle cisterne risale alla seconda fase di urbanizzazione dell’antica Tuder, tra il II e il I sec. a.C. Le due cisterne romane site sotto Piazza del Popolo, che reggevano la pavimentazione del Foro romano, sono tuttora ben conservate e visitabili. Le loro dimensioni sono notevoli: 80 m di lunghezza, 8 di larghezza e 8 di altezza. È possibile che esse siano state realizzate colmando l’avvallamento che separava la sommità dei due colli sui quali sorge la città, quello della Rocca e quello occupato dall’attuale Cattedrale.

 

CISTERNE ROMANE

Orario di accesso

Aprile – Ottobre 10:00 – 13:30; 15:00 – 18:00 chiuso il lunedì (tranne i festivi)
Novembre – Marzo

10:30 – 13:00; 14:30 – 17:00 aperto sabato, domenica e festivi.

Chiuso il 25 Dicembre e la mattina del 1 Gennaio

 

È attivo a Todi, sin dal 1969, il Gruppo Speleologico Tuderte, la cui azione viene svolta prevalentemente nel Parco del Fiume Tevere e dei Monti Martani dove sono concentrate la maggior parte delle grotte naturali e cavità di estremo interesse paleontologico e con notevole sviluppo planimetrico.

Tra le più significative i Pozzi della Piana presso Titignano e la Voragine del Volgorzzino a Scoppieto. In alcune zone limitrofe a Todi sono presenti sistemi sotterranei parzialmente esplorati e dall’aspetto idrogeologico non del tutto identificato.

L’attività speleologica del gruppo, sin dai primi anni della sua esistenza, è stata caratterizzata dall’impegno  nella riscoperta del patrimonio sotterraneo della Città di Todi. Sono più di 50 le cavità naturali scoperte dal Gruppo Speleologico Tuderte: alcune figurano nel Catasto Speleologico della Regione, mentre tutte sono catalogate nell’archivio del gruppo.

Contatti:

- Per la visita alle Cisterne romane Tel. e fax 075 8944148 todi@sistemamuseo.it

- Todi sotterranea www.webalice.it/carloz1

gruppospeleotodi@libero.it