Seguici su

facebook instagram

Blog

Todi è la meta ideale da visitare con i bambini. La città, arrampicata su una collina che domina tutta la Valle del Tevere, è facilmente visitabile a piedi con i propri bambini.

Si può iniziare la gita lasciando a valle la macchina e salire per le viuzze caratteristiche e strette che ci conducono a Piazza del Popolo.
Il centro storico di Todi è pedonale, perciò girare con i bambini è facile e piacevole e, soprattutto, loro si sentono liberi. Todi è un borgo piccolo accogliente. Ci si può fermare a parlare con gli anziani seduti sulle panchine mangiando il gelato e chiacchierando con i negozianti.

Todi è la città degli arcieri e se siete fortunati potete avere l’occasione di vivere in diretta un grande torneo medioevale, con sfide in diretta e laboratori per bambini.

Ancora prima di entrare in città ci dirigiamo al Tempio di Santa Maria della Consolazione, che si trova all’esterno delle mura duecentesche della città. La chiesa è un maestoso edificio bianco e azzurro, circondato da prati. I bambini possono rotolarsi nei prati e raccogliere margherite. Spesso i bimbi si divertono osservando la grande chiesa con la forma di una meringa!

Piazza del Popolo è il cuore di Todi: qui accadde tutto, qui si affacciano i palazzi più importanti del piccolo borgo medioevale, tra cui il palazzo Comunale e il Duomo. Ma la cosa migliore da fare con i bimbi è un giro delle Cisterne, costruite dai Romani: sono situate proprio sotto Piazza del Popolo e venivano utilizzate per raccogliere l’acqua piovana.

Stregoneria, animali fantastici, oggetti preziosi conservati in antichi castelli inglesi: le tracce delle favolose storie di Harry Potter, il maghetto più famoso del mondo, si possono trovare anche qui a Todi, tra luoghi, personaggi e leggende tutte da scoprire.
Anche nel mondo reale, quello dei “babbani”, tutti hanno sentito nominare almeno una volta Harry Potter e anche a Todi si può scoprire un pò della sua storia.

Il primo parco monotematico di scultura contemporanea in Umbria è il Parco di Beverly Pepper, il primo dell’artista nel mondo: le sue sculture monumentali sono immerse in un percorso naturalistico-urbano che si snoda tra le mura medioevali della città, che collega il Tempio di Santa Maria della Consolazione al centro storico. Nel parco di Beverly Pepper la posizione di ogni scultura è stata scelta con precisione dall'artista per sposare il suo concetto di rapporto con il luogo e di integrazione tra opera, contesto e paesaggio.
Le sculture sono originali, adatte ad attrarre l’attenzione e la curiosità dei bimbi.

La fattoria didattica Leo Wild Park è un’oasi immersa tra le colline umbre a poca distanza da Todi e nasce dal sogno di un bambino che amava gli animali e che crescendo ne ha fatto una ragione di vita. In questo luogo magico e selvaggio potrete vivere a stretto contatto con la natura e gli animali, assaporando cosi una tipica giornata da allevatore. Nel parco potrete conoscere e ammirare varie specie di camelidi, asini, cavalli, animali da cortile, varie specie di anatre, fino a giraffe, zebre e fenicotteri. I percorsi didattici che propone il “Leo wild park” sono rivolti a bambini, ragazzi e adulti e vi daranno modo di apprezzare la vita di campagna e di evadere dal caos della città.

Scendendo da Piazza del Popolo si trova un’opera d’arte unica al mondo: La Casa Dipinta.
Nel 1977 il proprietario e artista irlandese di fama internazionale Bryan O’Doherty, per esaudire un desiderio di sua moglie, iniziò a dipingere i muri della casa trasformando la piccola e semplice dimora in un’opera d’arte in divenire, un vero e proprio “work in progress”. Le stanze sono state decorate dall'artista utilizzando colori tenui e accesi, raccontandoci così in modo divertente il suo stato d’animo.

Ma ancora più adatto per i bambini è uscire dalla città per esplorare le campagne che si dispiegano fino all’orizzonte. Qui sicurezza, libertà, colori e profumi si fonderanno con le corse e i giochi dei vostri bambini.

Al termine di tutti questi giri, si può offrire ai bambini la Torta al testo, pane piatto e basso non lievitato tipico della cucina umbra, a base di farina, acqua, olio, sale e bicarbonato, dalla forma rotonda che viene cotto su piastra di ghisa detta appunto “testo” da cui prende il nome. Morbida, saporita, dal gusto delizioso a metà strada tra una piadina e una focaccia, può essere consumata da sola al posto del pane oppure farcita con salumi, formaggi e verdure!